Dopo la svinatura si lascia riposare circa tre settimane in tini inox fino al primo travaso che serve per separare le fecce (residui semisolidi che erano rimasti in sospensione).

In questa occasione il nuovo vino passa nei contenitori di legno: botti ovali da 30 hl. di produzione nazionale, tonneaux da 500 l. e barriques da 225 l. francesi, qui avviene la fermentazione lenta chiamata "malolattica" grazie alla quale l'acidita' diminuisce rendendo il vino piu' rotondo ed equilibrato.

La sosta in legno varia a seconda del tipo di vino e vada un minimo di due anni per il brunello fino ad almeno sei mesi per gli altri.

Durante questo periodo viene praticata la tecnica del "batonnage".

Una volta stabilito con l'enologo che il prodotto e' pronto viene assemblato dai vari legni ad un contenitore inox dove si procede alla stabilizzazione tartarica e ad una eventuale filtrazione prima dell'imbottigliamento.

Vengono usate solo bottiglie bordolesi nuove di fabbrica e tappi di sughero monopezzo di prima scelta.
Lo stoccaggio delle bottiglie di vino per il necessario affinamento in vetro avviene in un locale climatizzato della nostra cantina fino alla commercializzazione